|EBOOK ☲ Oriana Fallaci: The Journalist, the Agitator, the Legend ♫ eBooks or Kindle ePUB free

Non avete mai letto niente di Oriana Meglio cos Oriana.Oriana bambina.Oriana che vive la guerra.Oriana che scrive sui quaderni di scuola.Oriana che studia.Oriana che vuole diventare scrittrice.Oriana che lavora in redazione.Oriana giornalista.Oriana innamorata.Oriana addolorata.Oriana inviata di guerra.Oriana che intervista Oriana indipendente.Oriana dipendente dall a.Oriana mamma mancata.Oriana scomoda.Oriana internazionale.Oriana toscana.Oriana legata alle sue radici.Oriana conservatric Non avete mai letto niente di Oriana Meglio cos Oriana.Oriana bambina.Oriana che vive la guerra.Oriana che scrive sui quaderni di scuola.Oriana che studia.Oriana che vuole diventare scrittrice.Oriana che lavora in redazione.Oriana giornalista.Oriana innamorata.Oriana addolorata.Oriana inviata di guerra.Oriana che intervista Oriana indipendente.Oriana dipendente dall a.Oriana mamma mancata.Oriana scomoda.Oriana internazionale.Oriana toscana.Oriana legata alle sue radici.Oriana conservatrice.Oriana salamistra.Oriana indifesa.Oriana malata Oriana.Oriana un prisma Attraversata da qualsiasi evento tocchi anche di sfuggita la sua esistenza, Oriana lo scompone e lo commuta in arcobaleno I suoi incontri coi potenti della Terra diventano spettacoli teatrali, le scene di guerra di cui testimone diventano fotografie, i suoi amori si trasformano in quadri, le sue sofferenze si convertono in poesia, la sua malattia scivola nell azione anzich nell immobilit Questo libro non per chi gi la conosce per chi di lei non sa niente, per chi non ha ancora letto un suo libro Perch se vero che da una cosa detta o scritta si pu risalire alla bellezza di chi l ha pronunciata, anche vero, forse di pi , che l esatto contrario ci che ci seduce definitivamente Conoscere la grandezza della vita di una persona e trovarne conferma nelle sue parole, nei suoi gesti, nei suoi discorsi, nei suoi occhi lunghi orlati di matita nera Oriana Fallaci The Journalist, the Agitator, the Legend , by Cristina de Stefano, translated from the Italian by Marina Harss Other Press, 2017 First published in Italian as Oriana, una donna , Rizzoli, 2013 , is a fast pacing account of Oriana Fallaci s tumultuous life.The controversial Italian journalist and novelist was born in Florence, in 1929 Despite being poor, her parents were avid readers, and Oriana grew up surrounded by books Her father, Edoardo Fallaci, made his living as a wo Oriana Fallaci The Journalist, the Agitator, the Legend , by Cristina de Stefano, translated from the Italian by Marina Harss Other Press, 2017 First published in Italian as Oriana, una donna , Rizzoli, 2013 , is a fast pacing account of Oriana Fallaci s tumultuous life.The controversial Italian journalist and novelist was born in Florence, in 1929 Despite being poor, her parents were avid readers, and Oriana grew up surrounded by books Her father, Edoardo Fallaci, made his living as a woodcarver and was very active in the Italian anti fascist resistance during World War II Brought up by her father to be as tough as a boy , Oriana was taught to shoot and hunt at a very young age When she was about 14 years old, she became a courier for the resistance, smuggling hand grenades inside heads of lettuce in the basket of her bicycle and carrying secret messages to anti fascist fighters.Brought up by her parents under the imperative to fight fascism, Oriana was used to challenging authority from a very young age Moreover, her mother Tosca, a housewife who had not been able to pursue her studies due to her gender and social class, had strongly encouraged her daughter to study and to have a career After the war, Fallaci entered medical school, and started working as a journalist to pay for her studies Soon, she would drop university and become a full time reporter by then, largely a man s profession in Italy Years later, Oriana would say that she became a journalist in part to vindicate her mother Initially dismissed for being a woman, Fallaci battled her way up from social columnist and celebrity reporter to celebrated war correspondent, novelist and political interviewer, breaking boundaries for women in her field in Italy After covering celebrities in Rome and in Hollywood, in the early 50 s, Oriana spent extended periods at NASA in the early 60 s, reporting on the U.S space program In the late sixties, she headed for Vietnam to cover the war She soon became one of the world s preeminent war correspondents, flying from Saigon to Karachi, from Teheran and Mexico City to Tel Aviv.Oriana is best known for her confrontational interviewing tactics, and the book does a good job at sampling some of her finest moments For example, when she asked Muammar el Qaddafi in Libya Do you know you are so unloved and unliked when she asked Henry Kissinger To what degree does power fascinate you , in an interview which is widely considered to have contributed to his political demise or when she began an interview with Gina Lollobrigida by stating I don t think you re as stupid as people say , and following it up with a question about the immoral nature of the amount of money actors are payed When interviewing Ayatollah Khomeini in Iran in 1979, Oriana criticized the condition of women in Iran Khomeini responded, If you do not like Islamic dress you are not obliged to follow it The chador is only for young and respectable women Oriana immediately took off the chador she was wearing, and said, That s very kind of you, Imam And since you said so, I m going to take off this stupid, medieval rag right now Angry, Khomeini, interrupted the interview and left the room, but Fallaci refused to leave, insisting she would only leave after getting the interview she had been promised Khomeini conceded her point and returned the next day to complete the interview, but, rather than be diplomatic, Oriana continued the interview on the same point they had left it at the previous day Let s start where we left off yesterday you were saying that I was indecent Even her extensive notes on people who refused to be interviewed by her are illuminating For instance, her preparatory notes for an interview with Pope John Paul II are full of sharp questions, such as What do you think of the Inquisition Why is the Church so obsessed with sex Can one ask a pope if he has ever been in love Why not Why do you expect a lack of political engagement by Latin American priests but not by Polish priests The book also does a good job at presenting the key aspects of Oriana s writing style She never shied away from placing herself at the centre, as if the interview was a stage and she was one of the main players By structuring the interview as a literary piece, and by inserting in it her own personal feelings, Oriana challenged the ideas of objectivity and neutrality in journalism I think there is still a place to be very personal and literary in journalism While never inventing the facts, she managed to be very creative in putting the pieces of the story together She was sharp, witty, antagonistic, uncompromising and,often than not, very entertaining She s never detached She undertakes each meeting with the same passion and radical approach In my interviews I don t act only on my opinions but also on my emotions All of my interviews are dramas I involve myself even on a physical level She doesn t believe in objectivity When I take the subway in New York and see ads for newspapers that claim Facts not Opinions, I laugh so hard the whole subway car shakes What does that mean I m the one interpreting the facts I always write in the first person The Oriana that emerges from the book dwells in contradiction a hypochondriac who never feared to fly to violent warzones an independent woman who was very passionate and romantic, often debasing herself for the man she loved a truculent person who could be very vulnerable and tender She was fragile, recalled one companion, but she used aggressiveness as a shield She attacked first As a result, Americans were often terrified of her an atheist who admired Pope Benedict a leftist with Islamophobic tendencies A self proclaimed anarchist and individualist, Oriana could often infuriate both sides in a given debate The biographer had access to personal papers notes, manuscripts, journals, letters and previously unpublished personal testimonies from people who knew Oriana Written in the present tense, with short sentences and easy vocabulary, the book reads like a fast paced, action packed novel And that can be a little irritating it gives the impression of being the simplified version of something that remains to be fully analysed Further, the book reads, at times, like a collage of direct quotes and, worse still, the source of each quote is not provided by the biographer through footnotes Some reviewers commented that the biographer s style is evocative of Fallaci s, but I would beg to disagree De Stefano is too tame to be compared to Fallaci she is always ready to compromise she never inserts herself in her narrative, never criticizes Oriana nor analyses her contradictions Her portrait ends up being too well mannered and light hearted, as if De Stefano were too afraid to go beyond what was expected of a well meaning fan of Fallaci s work And that s a shame.This shortcoming becomes particularly clear in the chapter on Fallaci s post September 11 work, when she published three controversial books about Islam and the West The books sparked accusations of Islamophobia and destroyed her reputation as a journalist De Stefano seems to have the good intention of preventing the overshadowing of Oriana s career by this late episode the biographer seems to demand that the reader should put Oriana s late work in perspective as the work of a sick, old, lonely woman However, in so doing, De Stefano glosses over Oriana s contradictions, pigeonholing her, trying to find excuses for Oriana s own choices something the Italian journalist would certainly have hated.De Stefano analyses Oriana s choices under one simple aspect the imperative to fight fascism she experienced as a young girl, which shaped her view of life as a tough battle The need to oppose fascism, of any type, on the Left or on the Right, is her line in the sand, the measuring stick with which she judges people and governments, writes the author However, I think that can be a limiting perspective, because it evades criticism from the start the Oriana that emerges from the portrait is a larger than life personality not possibly a truculent, arrogant narcissist, but the only hero of her own story, solely driven by the quest for freedom I think this is a very reducing picture and not one which Oriana would have fallen for either It is too tame and neat a version of her She wasof an unsparing, uncompromising, disobedient, hardcore type On the whole, I think the book can be an introduction to Oriana s life, but it will disappoint the readers who arefamiliar with her work On my blog This book was kindly sent to me by Other Press for review La donna Sono troppo rissosa, aggressiva, non perdono mai Non so perdonare Mai Non so dimenticare Mai Questo molto brutto E a volte mi piace vendicarmi E lo faccio Questo bruttissimo, anche se lo faccio in modo aperto come i cani che prima di mordere abbaiano Sorrido soltanto quando ho voglia di sorridere, parlo soltanto quando ho voglia di parlare, e parlando dico sempre quello che penso..Perch con tutti quei difetti sono una persona davvero perbene E questo quello che cont La donna Sono troppo rissosa, aggressiva, non perdono mai Non so perdonare Mai Non so dimenticare Mai Questo molto brutto E a volte mi piace vendicarmi E lo faccio Questo bruttissimo, anche se lo faccio in modo aperto come i cani che prima di mordere abbaiano Sorrido soltanto quando ho voglia di sorridere, parlo soltanto quando ho voglia di parlare, e parlando dico sempre quello che penso..Perch con tutti quei difetti sono una persona davvero perbene E questo quello che conta Non sparo mai per prima, mai Porgo sempre la mano, e per prima Se poi me la mordono, ammazzo s Ma non umano E non ho nulla da nascondere, nulla Non c nulla di cui possa vergognarmi Nulla Non ho mai venduto me stessa, n moralmente, n fisicamente La giornalista Essere giornalista per me significa essere disubbidiente Ed essere disubbidiente per me significa, tra l altro, stare all opposizione Per stare all opposizione bisogna dire la verit E la verit sempre il contrario di ci che ci viene detto Due facce della stessa medaglia, della complessa personalit di una donna che nel bene o nel male non posso fare a meno di ammirare Her history begins with the cover portrait ever present cigarette in hand, she looks straight at the viewer, and you know you can t lie to her Oriana Fallaci s early years were defined by World War II, and her diminutive size and braids made her look even younger than her 14 years as she peddled her bike behind partisan lines delivering messages woven into her plaits and grenades in hollowed out cabbages The woman who developed was uncompromising, fearless She was called not the most turbu Her history begins with the cover portrait ever present cigarette in hand, she looks straight at the viewer, and you know you can t lie to her Oriana Fallaci s early years were defined by World War II, and her diminutive size and braids made her look even younger than her 14 years as she peddled her bike behind partisan lines delivering messages woven into her plaits and grenades in hollowed out cabbages The woman who developed was uncompromising, fearless She was called not the most turbulent female journalist , but the most turbulent journalist in Italy, period She spent 1963 64 with the astronauts, most notably, Pete Conrad Once she said she d love to go to the moon, and when he reminded her that going to the moon could cause her death, her response was everyone has to die and this would be a fun way to go It s worth it Her skills as an intrepid interviewer regarding subject matter and execution were recognized from an early age It was all she ever wanted to do,specifically, follow the footsteps of her idol, Jack London Her collogues and subjects found her insufferable, but never boring, and she was everywhere regardless of danger In Vietnam, she didn t squirrel away in hotel rooms, but demanded access to the front lines, to the bombardier s side, but she reported from any global hotspot Beirut, Lima, Mexico City in 1968 where she almost died Her personal life would make such an exciting movie, too exciting perhaps Exacting, uncompromising, unforgiving if you caused her hurt, she was an original whose style as an interviewer is still being taught in journalism classes today Wonderful portrait that reads as a novel except that in this case, the truth defies belief Sorrido soltanto quando ho voglia di sorridere, parlo soltanto quando ho voglia di parlare, e parlando dico sempre quello che penso Ho scoperto Oriana Fallaci a quattordici anni, in terza media la mia professoressa di lettere aveva chiesto a tutta la classe di comprare un suo libro, Lettera a un bambino mai nato, per approfondire meglio la questione Perch si nasce Perch si cresce Perch si muore Chi meglio di Oriana pu rispondere a queste domande cruciali Mi piaciuta da subito Ne Sorrido soltanto quando ho voglia di sorridere, parlo soltanto quando ho voglia di parlare, e parlando dico sempre quello che penso Ho scoperto Oriana Fallaci a quattordici anni, in terza media la mia professoressa di lettere aveva chiesto a tutta la classe di comprare un suo libro, Lettera a un bambino mai nato, per approfondire meglio la questione Perch si nasce Perch si cresce Perch si muore Chi meglio di Oriana pu rispondere a queste domande cruciali Mi piaciuta da subito Nel corso degli anni, dopo il diploma, ho riletto quel libro quasi una decina di volte Oriana diventata una delle mie scrittrici preferite mi piace il suo stile, il suo modo di scrivere e, soprattutto, il suo dire sempre e comunque quello che pensa a tutti e su tutto Quando ho saputo della biografia ero un po scettica Mi piacciono molto le autobiografie, le ritengo pi vere, pi fedeli rispetto alle biografie, anche se molto volte non cos , proprio perch autore e protagonista sono la stessa persona Tuttavia sono convinta che nessuno pu giudicare la propria vita meglio del diretto interessato Con questo libro, ho iniziato a ricredermi Ho scoperto aspetti di Oriana che non avrei mai immaginato e che lei probabilmente non avrebbe mai rivelato la sua fragilit , il atteggiamento servile quando innamorata e la voglia di tenerezza che ha sempre mascherato con la sua durezza esteriore Ovviamente questa biografia ha anche reso ancora pi evidenti e marcati lati di Oriana che erano gi chiari come la sua bravura, la ricerca assoluta per la verit , l a per la libert e l odio verso la guerra Sono molto invidiosa di Cristina De Stefano ha avuto accesso alle carte private della Fallaci, alle sue agende, alle sue lettere Avrei tanto voluto essere al suo posto Ho letto e riletto molte volte le stesse pagine, come a volerle assimilare bene fino in fondo Mi manca molto Oriana, la sua voce, il suo pensiero, soprattutto in questo momento politico e culturale Io non ho mai capito la morte Non ho mai capito chi dice la morte normale, la morte logica, tutto finisce, quindi anch io finir Io ho sempre pensato che la morte ingiusta, la morte illogica, e non dovremmo morire dal momento che si nasce Zawsze dobrze si o niej czyta. |EBOOK ☪ Oriana Fallaci: The Journalist, the Agitator, the Legend ☪ A landmark biography of the most famous Italian journalist of the twentieth century, an inspiring and often controversial woman who defied the codes of reportage and established the La Fallaci style of interviewOriana Fallaci is known for her uncompromising vision To retrace Fallaci s life means to retrace the course of history from World War II to As a child, Fallaci enlisted herself in the Italian Resistance alongside her father Her hatred of fascism and authoritarian regimes would accompany her throughout her life Covering the entertainment industry early on in her career, she created an original, abrasive interview style, focusing on her subject s emotions, contradictions, and facial expressions than their words When she grew bored of interviewing movie stars and directors, she turned her attention to the greatest international figures of the time Khomeini, Gaddafi, Indira Gandhi, and Kissinger, placing herself front and center in the story Reporting from the front lines of the world s greatest conflicts, she provoked her own controversies wherever she was stationed, leaving behind epic collateral damage in her wake Thanks to unprecedented access to personal records, Cristina De Stefano brings back to life a remarkable woman whose groundbreaking work and torrid love affairs will not soon be forgotten Oriana Fallaci allows a new generation to discover her story, and witness the passionate, persistent journalism that we urgently need in these times of upheaval and uncertainty Excellent biography of an extraordinary woman Highly recommend. Long before there was Christiane Amanpour, Arwa Damon, Marie Colvin, Christopher Hitchens, and Hunter Thompson s Gonzo journalism, there was the Italian journalist Oriana Fallaci In the 1950s she had broken through the mysogynistic newsrooms in Italy by writing about whatever she was assigned, and with great determination worked her way into reporting serious subjects of her own choosing Fearless, aggressive and assertive, unrelenting and incapable of being deflected, she fought for and got as Long before there was Christiane Amanpour, Arwa Damon, Marie Colvin, Christopher Hitchens, and Hunter Thompson s Gonzo journalism, there was the Italian journalist Oriana Fallaci In the 1950s she had broken through the mysogynistic newsrooms in Italy by writing about whatever she was assigned, and with great determination worked her way into reporting serious subjects of her own choosing Fearless, aggressive and assertive, unrelenting and incapable of being deflected, she fought for and got assignments not available to other female journalists At the time, She worked and smoked constantly, and that never changed for the rest of her life.Fallaci was born into a Florentine family that had complex personal relationships and divergent politcal views, with some who supported Mussolini, and others who did not As a small 14 year old girl, who looked years younger, she was a courier who took messages and bombs for his father s anti fascist partisans during World War II Smart, observant and daring, the young girl was exhilarated by those experiences, which left an indelible mark on her personality.As a journalist she gained notoriety for her bold, probing interviews, and there was no one else who could challenge world leaders in the same way She interviewed the stern, intimidating Ayatollah Khomeni in Qom, where he was leading the revolt to take over Iran, and Fallaci agreed to wear a chador When she asked very direct questions about women s rights and freedom in Iran, he testily told her, If you do not like Islamic dress you are not obliged to follow it Fallaci dramatically removed her chador and Khomeini left the room She waited hours for him to return and was promised there would be a meeting the following day, and there was Even though he must have known how treacherous it was to be interviewed by Fallaci, Henry Kissinger relented and later regretfully said that the interview was The most disastrous conversation I ever had with the press She challenged world leaders and they took the bait, hoping to win out over this combative journalist, whose interviews were like chess games She always did her homework, thoroughly researched the leaders, their activities and actions, books and or articles they had written She made up her mind what she thought about them, and like a boxer knew their vulnerable spots, and sometimes after the interview modified or changed her opinion Her methodology was not always admired, but Fallaci was committed to getting at the truth of a person s actions.As for her personal life, she lived a very liberated life with numerous affairs, which she frequently ended traveled alone, often to dangerous war zones and muscled her way into places where a woman was not accepted In other ways she was a very traditional Italian woman who had a home in the Italian countryside, where she retreated with her extended family There were a few men whom she loved, but often they were married, or involved in their own professional pursuits At times she faced the dilemma of modern women today, torn between being married to an all consuming profession while also desiring some type of personal family.In this new biography Cristina De Stefano had access to previously unavailable papers and letters of Oriana Fallaci, and interviewed many people who knew her As a journalist she was often spot on and ahead of others in her perceptions and opinions, and was a champion for justice and fairness However, after 9 11 she lost her footing and took a professional nosedive by summarily condemning Islam in the most egregious manner, and from which she never rebounded ORIANA UNA DONNAOriana sempre Oriana Straordinaria come donna, come giornalista, inviata e scrittrice Fa parlare di se, sempre Amata e idolo di molti, incubo per altri, rimane se stessa sempre nonostante tutto.Ringrazio Cristina De Stefano per avermi dato l opportunit di conoscere questa splendida persona sotto un aspetto diverso da come voleva apparire francamente immaginavo che Oriana fosse cos Una donna forte, ma con i suoi dolori e le sue paure.Si, perch anche lei nonostante tutto ORIANA UNA DONNAOriana sempre Oriana Straordinaria come donna, come giornalista, inviata e scrittrice Fa parlare di se, sempre Amata e idolo di molti, incubo per altri, rimane se stessa sempre nonostante tutto.Ringrazio Cristina De Stefano per avermi dato l opportunit di conoscere questa splendida persona sotto un aspetto diverso da come voleva apparire francamente immaginavo che Oriana fosse cos Una donna forte, ma con i suoi dolori e le sue paure.Si, perch anche lei nonostante tutto aveva paura Aveva paura di volare, paura di non poter fare figli, paura della solitudine, paura di dormire sola, paura di rimanere ceca e paura di morire Oriana, gi da piccola,aveva imparato a stare in compagnia della paura a conviverci con essa, a scendere a patti con lei, a sfidarla Aveva imparato, infatti, da suo padre, partigiano e prigioniero di guerra che la paura si misura con il coraggio Senza paura il coraggio non esiste.Oriana sfida la paura sin da piccola, entra a far parte della resistenza, corre sotto le bombe nella sua Firenze fa da staffetta.Spesso Oriana nelle sue interviste ricorder quanto, sua madre, donna di grande intelligenza, fu costretta a fare la serva di tutta la famiglia Fu proprio la madre Tosca ad incitarla a studiare a non diventare schiava del marito e dei figli Come fu sempre Tosca ad insegnarle che la vita era una guerra continua, piena di sassi e che si vincono le battaglie con la tenacia.Oriana cresce in una casa povera ma piena di libri perch i suoi genitori avevano come diceva sempre lei IL VIZIO DI LEGGERE.I libri erano per loro un bene prezioso,il loro lusso, tanto che venivano comprati a rate ed erano una cosa rara per la loro estrazione sociale.E verso i cinque sei anni che decide di fare lo scrittore, non viene incoraggiata dalla famiglia.Cominci , dunque di pensare a fare la giornalista, compromesso che viene accolto onorevolmente.Inizia a leggere di tutto, documentarsi a studiare, i greci i latini con gli anni poi gli anglosassoni e gli americani, insomma si nutre di tutto ci che la cultura pu offrirle.Legge moltissimo e scrive ancora di pi , seppur autodidatta ha presto una cultura letteraria prodigiosa.Si chieder in un intervista anni dopo Io suppongo che la mamma, insieme al genuino desiderio di cultura, spontaneo perch veniva da una famiglia i artisti poveri, mi spingesse a leggere per un rabbioso desiderio di rivincita S , credo proprio che la mamma abbia sempre interpretato la cultura come una rivincita personale e sociale Passa il tempo , ma l a per la scrittura non passa, finito i compiti, mentre la mamma cuce vicino a lei, Oriana accumula pagine e pagine, affascinata da come le parole possono creare un modo a parte.A scuola sempre la prima, in casa i suoi temi vengono letti a voce alta e spesso vincono premi.Nonostante la giovane et appare determinata, disciplinata e introversa sempre pi decisa a diventare ed essere la migliore.Il suo carattere duro inizia a formarsi in questo periodo, divenne molto dura e rigida con se stessa a scuola.Frequenta nel 1944 il liceo classico Galileo Galilei, riesce con un esame a recuperare l anno perso quando combatteva con i partigiani.Diventa un allieva brillante tanto da permettersi di replicare ad ogni sbaglio dei professori e a polemizzare quando non era d accordo su qualcosa.Si iscrive all universit e si paga gli studi lavorando in redazione del giornale di suo zio Bruno Da li inizia la sua carriera da giornalista Diventa presto una cronista regolare del Mattino, abbandona l universit per dedicarsi completamente al giornalismo, per tutti i suoi colleghi la ragazzina.I suoi articoli vengono letti da tutti e si fatica a pensare che possano essere scritti da una ragazza da poco uscita dal liceo.E molto determinata e ha capito che in quel lavoro dominato dagli uomini deve dimostrare di essere la pi brava, per questo legge e rilegge autori famosi per perfezionare lo stile della sua scrittura.Studia e si documenta prima di scrivere un articolo, legge e rilegge i suoi articoli e li cura con minuziosit e ossessivit.Licenziato lo zio Bruno viene licenziata anche lei, ma per fortuna il direttore dell Europeo, che apprezza il suo stile e la sua determinazione le chiede di andare a lavorare per il suo giornale, abbandona cos la sua amata Firenze per trasferirsi a Roma.Sono i primi anni cinquanta, Oriana scrive per l Europeo pezzi sulla mondanit e spettacoli, argomenti che poco le interessano perch la sua naturale passione rimane la politica.Fare la giornalista per lei, in questi anni non per niente facile, poche sono le donne a fare questo lavoro, molti gli uomini, non facile per lei dimostrare di essere all altezza Continua il suo sogno di essere uno scrittore, ma per fare ci deve assolutamente farsi un nome e di essere apprezzata.Nel 1954 iniziano i suoi viaggi nel mondo, riesce ad entrare in un viaggio stampa Roma Teheran.Racconta in perfetta perfezione questo viaggio, riesce perfino ad entrare in una moschea a farsi ricevere dall imperatrice Soraya, moglie dello sci.Riesce con grande abilit , che la distinguer nelle varie interviste politiche a far parlare l imperatrice, nonostante tacesse.Costruisce il suo primo articolo internazionale Ritornata in Italia riprende a scrivere articoli su cinema e spettacolo.Da Roma si trasferisce a Milano, qualche anno dopo, nella sede del pi famoso settimanale d Italia.Lavora con impegno scrupolo, accettando tutte le trasferte Va in Belgio per raccontare l a della principessa Margaret e il Peter Towensed Scrive una sceneggiatura pi che un articolo.Il suo stile gi perfettamente formato Questo stesso stile che la render famosa in tutto il mondo.Verso la fine del 1955 partecipa ad un viaggio inaugurazione Roma Los Angeles, per raccontare la vita di alcuni divi di Hollywood.Per anni fa viaggi in America e continua a scrivere articoli su personaggi famosi.Nel 1957 la casa editrice LONGANESI le da la possibilit i scrivere un libro , una raccolta dei suoi migliori articoli Scrive cos I SETTE PECCATI DI HOLLYWOOD.Grazie a questo suo primo libro il nome di Oriana verr apprezzato anche in Italia.Ora che Oriana ha raggiunto la fama desiderata, per lei potrebbe essere un momento felice, in realt viene profondamente segnata da una delle esperienze pi difficili della sua vita Si perch in a Oriana non sar mai fortunata.Oriana che viene descritta in questa biografia, un Oriana del tutto inedita, dolcissima e fragile S innamora perdutamente di un collega Alfredo, lei ci crede in quest a, mal corrisposto, dandosi a lui con tutta se stessa Spesso gli scrive delle meravigliose e lunghe lettere, dove emerge la voglia di una famiglia e dei figli.Per questo a lei si umilia, si cancella per a lei disposta a tutto diventa vulnerabile Verr purtroppo ferita profondamente nell anima e nel cuore, da questa relazione perde un figlio e si ammala di depressione, arrivando ad un tentativo di suicidio e ricoverata in un reparto di psichiatria Ammetto che per me questa stata una sorpresa e mai avrei pensato che Oriana potesse arrivare a cos tanto, ad un gesto cos estremo Tu eri lo scopo della mia vita Non chiedevo nulla, mi bastava sapere che esistevo per te e ti potevo parlare, vedere ogni tanto, esserti vicino, aiutarti Ora non ho nemmeno questo e questa decisione un fardello troppo grave per me Io ne muoio Fa molta fatica riprendersi ed un dolore immenso per lei aver perso quel piccolo esserino.Sa bene che scrivere l unico modo per non morire Ritorna al lavoro e il direttore dell Europeo le propone di fare un viaggio alla scoperta della condizione delle donne nei vari Paesi del mondo E in Pakistan che avviene il suo primo contatto traumatico con l Islam.Le tappe sono moltissime, Calcutta, Nuova Delhi, Pakistan,Hong Kong,Giappone, Egitto, Iran porta con se un bagaglio non indifferente di esperienze Dovunque va non accetta compromessi suscitando reazioni e protesta, perch lei nonostante tutto rimane vera.Concluso il suo viaggio non nasconde ai lettori di essere molto confusa Spiegher che tra le donne della Terra non esiste un sano equilibrio.Nasce cos il suo nuovo libro IL SESSO INUTILE.Oriana sente sempre pi che mai il bisogno di scrivere, nel 1962 pubblica Penelope alla guerra che si pu definire un romanzo autobiografico, tanto che ogni pagina si riferisce a lei E un romanzo dove lei fa il punto della situazione della sua vita.PENELOPE ALLA GUERRA parla di come l Oriana avrebbe voluto vivere l a, ma come invece dovr accettare di viverlo E incredibile come la gente sia sorda al dolore non fisico Se hai male allo stomaco o ad un piede, tutti cercano di esserti utili e ti portan rispetto Ma se hai male all anima nessuno ti aiuta Parole pi vere che mai Ora pi che mai decisa, dopo tanta sofferenza, a diventare la Fallaci Dopo questo romanzo si trasferisce a New York.Ormai Oriana e famosissima ha gi pubblicato tre libri e da dieci anni scrive per l Europeo, vive da donna libera, con massima riservatezza per la sua vita privata.Nel 1963 scrive un nuovo libro GLI ANTIPATICI, nel 1965 pubblica un nuovo libro SE IL SOLE MUORE Anche questo libro simile ad una autobiografia, un dialogo con il padre.Iniziano in questo periodo i vari incontri con gli astronauti e i vari reportage Alla Nasa conosce e nasce una profonda amicizia con Pete, qualche tempo dopo litigano furiosamente discutendo di politica e Oriana decide di interrompere definitivamente ogni rapporti con luiNel 1967 Oriana parte per il Vietnam, vuole raccontare ci che succede , arrivata a Saigon incontra Fran ois, tra di loro nasce una forte simpatia, e l ammirazione per questo collega cresce sempre di pi La vita a Saigon non facile, viene ferita Visita gli orfanotrofi di Saigon e ne rimane profondamente colpita, una forte tristezza l assale I bambinI dell orfanotrofio di Saigon, accucciati per terra mangiavano il riso pescando con le dita unite a cucchiaio, non li avresti detti bambini bens vecchi che un sortilegio diabolico aveva ridotto a dimensioni infantili sulle manucce rugose le vene si disegnavano gonfie, dalle guance la pelle cadeva come a ottant anni Mi sono chinata fra loro Due occhi a mandorla, tristi, m hanno fissato Due polpastrelli vuoti m hanno accarezzato un ginocchio E nella confusione ho sentito che avrebbe potuto essere lui Sei tu Ho detto Gli occhi tristi hanno sorriso Vuoi essere tu Vieni qui Ma nello stesso tempo due mani adirate l hanno strappato via, una voce irritata esplosa contro i miei orecchi E un maschio, non vede Deve battersi per la patria, lui Quasi avesse capito il bambino ha cacciato un urlo Lui,Fran ois , le sempre accanto e affrontano molte cose assieme, con il passar del tempo si accorge che prova qualcosa per questo suo collega Non si pu vivere senza a, io ci ho provato ma non ci sono riuscita.Le cose che vede in Vietnam sono drammatiche, bambini che ridono vedendo i cecchini buttare i cadaveri.Oriana inizia a sentirsi molto stanca e debole.Fran ois lascia Saigon e lei rientra a New York e ha abbastanza ,materiale per scrivere un nuovo libro NIENTE E COS SIA.Ritorna in Vietnam molte altre volte facendo l inviata, sempre sul fronte con la sua macchina fotografica, l elmetto e il suo immancabile zaino Intanto la relazione con Fran ois continua, si scrivono lettere e poesie Come in tutte le relazioni Oriana da tutta se stessa Le scrive poesie, ma con il passare del tempo anche questa relazione destinata a finire Lui uomo cattolico e sposato non gli permesso di divorziare, questo porter una rottura definitiva alla loro relazione Il fatto che lui non riesce ad abbandonare la moglie fece infuriare Oriana tanto da spedire tutte le lettere scritte tra loro in questi anni.Con il Vietnam nasce l Oriana corrispondente politica Nel 1974 esce il suo nuovo libro INTERVISTA CON LA STORIA.IL 23 AGOSTO 1973 Oriana incontra Alex Panagulis tra di loro nasce a prima vista una forte alchimia, un attrazione indescrivibile La prima cosa che la colpisce la sua voce, che in seguito dopo la sua morte dir Posso guardare le sue fotografie del suo cadavere Posso toccare,indossare i suoi indumenti Questa camicia per esempio fatta con una camicia Posso maneggiare le sue pipe, i suoi fogli e i suoi oggetti Ma vi sono due cose che non posso fare rivederlo in un film e, soprattutto riudire la sua voce Quella sua splendida voce gutturale, fonda, che ti entrava dritta nel cuore come un coltello Ho il terrore di riudirla Perch lui morto, ma la sua voce viva Questa per lei una storia tormentata, protegger quest uomo nonostante i suoi alti e bassi, standogli vicino, fino alla fine.Scriver dopo la sua morte un libro, a mio parere uno dei migliore, UN UOMO.Nel 1975 con la frase STANOTTE HO SAPUTO CHE C ERI UNA GOCCIA DI VITA SCAPPATA DAL NULLA Apre il suo nuovo libro, esce nel 1975 LETTERA AD UN BAMBINO MAI NATO.Questo libro un monologo a favore della vita Tra la donna incinta e il piccolo esserino.Oriana ha voluto fermamente questo libro, perch in questa donna senza nome ci si possono identificare tutte le donne Questo libro molto amato da Oriana un romanzo, ma nello stesso tempo una vera testimonianza su uno dei suoi capitoli pi importanti la mancanza di poter aver figli.Nel 1965 perde nuovamente il bambino che portava in grembo, ne soffre molto, ma allo stesso tempo non si sente sicura di prendersi cura di un bambino.Nel 1979 esce UN UOMO libro dedicato ad Alex.Nel 1983 si reca a Beirut lega con un soldato di nome Paolo si scriveranno molte lettere e poesie nell 85 iniziano una convivenza a New York, Oriana lo spinge e l aiuta a realizzare il suo sogno, quello di diventare astronauta Per la prima volta, intanto Oriana si dedica ad uno nuovo libro INSCIALLAH, che la terr impegnata per quasi dieci anni.Questo romanzo molto profetico su ci che sarebbe poi successo l 11 settembre 2001 Intanto anche la relazione con Paolo finisce.Purtroppo nel 1991 accade ci che ha sempre temuto, viene operata urgentemente a causa di un tu Decide cos di ricostruire la sua storia attraverso i suoi avi, vuole far conoscere le persone che hanno plasmato il mosaico del suo IO Torna, infatti a New York decisa pi che mai a scrivere una saga familiare, la sua saga Sa per che una lotta contro il tempo, sa perfettamente di non averne molto per raccontare le sue origini.Partir proprio dalle origine e racconter minuziosamente tutto fin dall inizio, cercando di costruire il pi reale possibile il suo albero genealogico.Mentre scrive il suo romanzo, spesso torna con la mente ai suoi genitori Mio padre era un ero di guerra, ma in pace era solo un uomo Mia madre invece era un essere umano favoloso.Per un po di anni Oriana non si muove pi , chiusa nella sua New York, ha superato i sessant anni ed sicura che il suo MAL DOLENT, torner presto.Rimane un appassionata di libri, colleziona molte prime edizioni preziose, il suo carattere diventa sempre pi difficile la solitudine l unica compagnia che ha.Cerca di non perdere tempo a scrivere il romanzo della sua famiglia, perch sa che sar la sua ultima impresa.Ultra sessant enne, esce quasi sempre con occhiali scuri e grandi cappelli, riceve molte lettere ed stupita dall affetto dei lettori.Nel frattempo il mal dolent tornato, ma lei si rifiuta di farsi curare.Purtroppo non finir del tutto la sua pi grande opera.La mattina dell 11 settembre 2001, mentre scriveva al suo romanzo, all improvviso qualcosa l allarma, la inquieta Una specie di silenzio nell aria la mette in ansia Accende la tele vede una delle torri gemelle che sta bruciando Lei come tutto il paese sotto shock, ipnotizzata dalle immagini che vede, persone che si gettano dalle finestre , non riesce a capacitarsene Malgrado agli orrori che ho visto in guerra sono sconvolta E infuriata come una bestia La citt un cimitero Al posto dei rumori infernali di New York c un silenzio di ghiaccio O meglio di cimitero Tutto fermo I ponti,i tunnel gli uffici Solo gli ospedali sono aperti, e gli obitori Per giorni gira per casa, sa che deve per forza continuare al suo romanzo, ma non riesce sa che deve fare qualcosa Scriver degli articolo poi un libro LA RABBIA E L ORGOGLIO seguiranno poi LA FORZA DELLA RAGIONE E L APOCALISSE, questi formeranno una trilogia.Sar investita dalle critiche che non le faranno certo bene La riterranno pazza, degradando la sua persona.Intanto la malattia va avanti e la coraggiosa Oriana si sente sempre pi debole e pi sola che mai.Scriver in una lettera Dagli occhi ai piedi sono un disastro Niente funziona di pi Ma il cervello si Anzi mi sembra migliorato come il vino che sa invecchiare Nel 2005 nonostante la sua malattia sta avendo il sopravvento su di lei riesce ad intervistare il PAPA I suoi ultimi mesi di vita sono drammatici, sono una preparazione alla morte, da New York si fa portare nella sua Firenze e l che decide di chiudere per sempre i suoi occhi, stabilisce tutto, come al solito minuziosamente, sistema le questioni di denaro e dei suoi beni, vuole farsi seppellire vicino ai genitori con una lapide con incisa QUI GIACE UNO SCRITTORE.Oriana muore tra la notte del 14 15 settembre 2006 Io non ho mai capito la morte Non ho mai capito chi dice la morta normale, la morta logica, tutto finisce quindi anch io finir Io ho sempre pensato che la morte ingiusta, la morte illogica, e non dovremmo morire dal momento che si nasce Trovo che questo libro sia un vero e propria inno sulla vita Oriana,donna forte in apparenza, ma fragile e sola nel proprio intimo.Una donna immensa, una donna grande dura si ma sensibile Vogliosa di innamorarsi e di fare una famiglia.Ricca dentro, strepitosa fuori.Io amo Oriana da sempre e incontrarla sarebbe stato il mio pi grande desiderio.Amo come scrive, amo il suo coraggio, la voglia di dire a tutti i costi il suo pensiero giusto o sbagliato che sia.Credo che si dovrebbe prendere come esempio per la lotta contro le ingiustizie, per la forza di combattere contro tutto e tutti Questo un libro strepitoso, grazie a Cristina De Stefano che l ha scritto Vorrei avere il suo coraggio, la sua intelligenza, la sua caparbiet nel volere e ottenere le cose Amo Oriana all infinto come per quello che ha testimoniato, per come scrive, per quello che riuscita ad essere Una donna unica in tutto BISOGNA SAPERSI RASSEGNARE AL PROPRIO DESTINO IL MIO E QUELLO DI VIVERE IN UNA SOLITUDINE MOSTRUOSA L ULTIMA FASE DI UN ESISTENZA CHE SOLTANTO I SUPERFICIALI E I MALE INFORMATI POSSONO DEFINIRE FORTUNATA